Il bonus caldaie 2020 a Genova, dal 50% al 110% di sconto immediato con cessione del credito, a chi spetta?

Con l’avvento della “Manovra Finanziaria” attuata, è stato anche rinnovato il Bonus Caldaie per l’anno 2020 e 2021, il bonus vede interessati tutti i contribuenti che intendono cambiare la vecchia caldaia di casa.

Per l’installazione di una caldaia a condensazione di classe A la detrazione prevista è del 65% ma deve prevedere anche l’installazione delle valvole di termoregolazione, per l’installazione di una caldaia di classe A senza valvole di termoregolazione la detrazione sarà del 50% mentre sarà nulla in caso di installazione caldaia di classe B o inferiore.

Le linee guida per il bonus caldaie seguono, in pratica, la classe energetica della caldaia scelta, fino a raggiungere il superbonus 110%.

Bonus caldaie 110% a Genova

Il decreto Rilancio del 2020 le novità sull’ecobonus 110% non sono tardate ad arrivare, che sono legate alla detrazione, appunto, dell’ ecobonus e del sismabonus esteso anche alle seconde case, associazioni sportive, associazioni in generale ma restano escluse le abitazioni considerate “lusso” (castelli, ville, ecc…).

Il bonus per gli interventi sull’efficienza energetica sono stati estesi fino al 30 Giugno 2020 per le abitazioni di edilizia popolare.

Il bonus caldaie 2020 prevede uno sconto immediato o anche la cessione del credito per chi adotta ancora il vecchio bonus ristrutturazione o il bonus facciate.

In parole povere chi ha eseguito o eseguirà lavori di ristrutturazione o adeguamento energetico tra il primo luglio 2020 e il 31 dicembre 2021 potrà scegliere tra uno sconto immediato sull’importo dovuto che verrà anticipato dal fornitore (chi ha eseguito il lavoro) oppure si potrà avvalere della cessione del credito, trasformando l’importo speso in credito di imposta con libera scelta di destinazione a banche o intermediari finanziari.

Quando si può usufruire del Bonus Caldaie 110% a Genova?

Diciamo subito che la detrazione può essere spalmata in 5 anni dividendo l’importo investito, potrà essere detratto con sconto in fattura o con la cessione del credito a terzi come spiegato sopra. Per avere diritto a questo bonus non basta il cambio della caldaia ma bisognerà eseguire almeno un altro lavoro di adeguamento o miglioramento energetico che preveda almeno lo scatto di 2 classi energetiche per l’immobile.

In caso il miglioramento di 2 classi non sia possibile, bisognerà dimostrare che si è eseguito il miglioramento maggiore possibile tramite l’attestato di prestazione energetica con la dichiarazione asseverata rilasciata dal un tecnico abilitato.

Le operazione che si possono svolgere in concomitanza del cambio caldaia sono:

  • Isolamento termico delle superfici opache
  • Interventi su parti comuni degli edifici passando da impianti di climatizzazione esistenti a impianti centralizzati con previsione del fotovoltaico
  • Interventi per case unifamiliari con il passaggio dagli impianti esistenti a impianti di climatizzazione con pompa di calore, ibridi o geotermici contestualmente al fotovoltaico o alla microgenerazione

Per info e preventivi vi invitiamo a contattarci attraverso il sito CLICCANDO QUI il nostro staff è a vostra disposizione e sarà lieta di aiutarvi nella scelta più congrua alle vostre richieste.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui